Mancano

Giorni
Ore
Minuti
Secondi
Bollo-SOSTIENI-2020-sfumato

Le tappe del percorso

23.04.2018: la proposta
"È mia intenzione destinare l’immobile di Viale Timavo a sede universitaria ma né Diocesi né UNIMORE da sole hanno la capacità economica di sostenere la ristrutturazione di questo immenso stabile. Serve l’aiuto di tutti. Se oggi condividerete questo progetto da domani potremo iniziare a lavorare per realizzarlo."
Massimo Camisasca, Vescovo Reggio Emilia-Guastalla
25.10.2018: protocollo d’intesa
Storica firma del protocollo d’intesa per l’ingresso nell'ormai ex seminario vescovile di Unimore. L’ateneo ne prenderà possesso – dopo una serie di importanti lavori – nel 2020. L’accordo è stato sottoscritto dal vescovo della diocesi Massimo Camisasca, dal magnifico rettore Angelo Oreste Andrisano, dal sindaco della nostra città Luca Vecchi e dal Rettore del Seminario don Alessandro Ravazzini.
20.12.2018: costituzione del Comitato
Questo atto segna l’inizio del recupero del complesso immobiliare. Destinato a ospitare fino a 2mila persone tra studenti e professori. Reggio Emilia si prepara, grazie al contributo delle istituzioni e delle Imprese locali, a diventare sede di eccellenza dei vari dipartimenti insediati, ma soprattutto polo di eccellenza per la Meccatronica e nuovo polo del Digitale grazie a recenti iniziative intraprese da Unimore.
29.04.2019: inizio dei lavori
Fino ad oggi l’ambizioso cronoprogramma è stato rispettato. Nella giornata di oggi, alla presenza delle autorità, dei soci e degli amministratori, è avvenuta l’inaugurazione del cantiere per la ristrutturazione del complesso della nuova sede reggiana di UNIMORE.
24.11.2020: inaugurazione
Il Vescovo Massimo Camisasca aveva parlato di miracolo laico. Vedremo se verrà realizzato. Questo è l’impegno di tutti: Diocesi, UNIMORE, Comune, Regione, Provincia, Camera di Commercio, Unindustria, Fondazione Manodori e decine di imprese e privati. Inaugurare il terzo polo reggiano.
massimo-camisasca
MONS. MASSIMO CAMISASCA
Vescovo di Reggio Emilia - Guastalla

In questi anni ho speso molte energie per trovare una destinazione all’immobile del Seminario Diocesano di via Timavo e vorrei giungere a una decisione prima del termine del mio mandato di Vescovo a Reggio Emilia. Consapevole che questa scelta influenzerà tutta la città credo sia doveroso da parte mia condividere con tutte le istituzioni cittadine il futuro di tale immobile.

andrisano
ORESTE ANDRISANO
Rettore Università di Modena e Reggio Emilia

La prospettata disponibilità del Seminario per le attività universitarie consentirebbe di riequilibrare il rapporto fra strutture e utenti, migliorare la qualità delle sedi, razionalizzare la distribuzione delle stesse all’interno della città, favorendo lo sviluppo di quei corsi di laurea, come quelli di Ingegneria, che stanno preparando tecnici sempre più richiesti dal nostro territorio.

luca-vecchi
LUCA VECCHI
Sindaco di Reggio Emilia

È un’operazione di portata storica per la città di Reggio Emilia: sia nella sua dimensione sociale, sia nella dimensione culturale e spirituale. Il seminario di via Timavo, fortemente voluto dalla curia in una fase storica di grave difficoltà nei rapporti tra chiesa e potere politico locale, viene oggi destinato a sede universitaria, proprio grazie a una forte collaborazione che vede partecipi tutte le istituzioni cittadine.

zanni
GIORGIO ZANNI
Presidente Provincia di Reggio Emilia

Il progetto che stiamo portando avanti insieme ai partner del Comitato è un’importante atto di riqualificazione e di sviluppo di una parte importante della Città di Reggio Emilia. Un’opera che rappresenta uno sguardo di apertura verso tutta la Provincia per rendere il nostro territorio un polo ancor più attrattivo per la crescita di conoscenza, competenza e nuove opportunità.

manghi
GIAMMARIA MANGHI
Sottosegretario alla Presidenza della Regione Emilia-Romagna

Si tratta di una scelta di alto profilo, poiché destinata a rafforzare la dotazione universitaria di Reggio Emilia, in virtù della disponibilità della Curia e di una forte quanto matura unità di intenti tra le principali espressioni della rappresentanza pubblica e privata della comunità, a cui la Regione Emilia-Romagna non poteva mancare di assicurare il proprio concorso.

storchi
FABIO STORCHI
Presidente Unindustria

La comunità reggiana ha deciso ancora una volta di “fare insieme” per dar vita a una nuova e importante iniziativa: trasformare l’ex Seminario Vescovile nel terzo polo universitario cittadino, dedicato agli insegnamenti umanistici. Li anima la convinzione che l’education e la formazione siano sempre più i veri motori dell’economia fondata sulla conoscenza e sui saperi.

dallolio
MIRCO DALL'OLIO
Presidente di Maxima Spa

Partecipare alla realizzazione del Terzo Polo di Unimore è per me motivo di grande orgoglio, cosciente che un intervento di tale portata avrà negli anni a venire importanti effetti sia sul sociale che nel mondo del lavoro. Un’occasione speciale per contemperare a due interessi superiori: espletare la mia funzione sociale come imprenditore e restituire a Unimore, dalla quale tanto ho ricevuto.

caramaschi
MATTEO CARAMASCHI
Presidente Confcooperative di Reggio Emilia

Siamo di fronte ad un progetto che tocca profondamente il nostro territorio e la nostra comunità e consente di mantenere la funzione educativa e formativa storica del Seminario. La nostra adesione nasce da un’alleanza con le comunità locali da parte di una cooperazione e di cooperatori che propongono modelli di equità, solidarietà e partecipazione come patrimonio comune della nostra gente.

landi
STEFANO LANDI
Presidente CCIAA Reggio Emilia

Il progetto rappresenta una grande opportunità per la città e per tutto il territorio. Inciderà sull’ampiezza e sulla qualità della sua offerta formativa a beneficio dei giovani e del sistema imprenditoriale, ma già oggi è una grande chance per rafforzare la collaborazione tra associazioni, imprese e istituzioni.

borghi
GIANNI BORGHI
Presidente Fondazione Manodori

Questa iniziativa risponde ad un bisogno e promuove il sistema formativo locale. Investire sui giovani è un investimento sul presente e sul futuro della nostra comunità. Sono tante le realtà pubbliche e private coinvolte e insieme abbiamo contribuito a cambiare il volto della nostra città, incentivando le relazioni sociali e le opportunità di incontro e di crescita.

macchiaverna
MAURO MACCHIAVERNA
RCF Spa

RCF Spa è orgogliosa di contribuire a questo progetto che favorirà lo sviluppo di nuovi corsi di laurea necessari alla creazione di quelle competenze per affrontare la rivoluzione “Industria 4.0”. Siamo convinti che questo progetto permetterà alle aziende del territorio e non solo di evolversi al fine di continuare a competere sui mercati nazionali ed esteri.

storchi_matteo
MATTEO STORCHI
Presidente e AD Comer Industries

Nel mercato globale in cui oggi operiamo, lo sviluppo delle competenze è sempre di più un elemento strategico. Investire in questo progetto significa contribuire alla formazione di giovani talenti in un territorio che dovrà avere sempre più elementi distintivi per competere.

bertazzoni
PAOLO BERTAZZONI
AD Bertazzoni La Germania

Partecipiamo a questa iniziativa perché crediamo nella formazione umanistica e scientifica delle nuove generazioni e nel valore aggiunto sociale e umano che la cultura può generare oggi e nel futuro. Questa iniziativa è un ulteriore esempio di come la virtuosa collaborazione tra aziende, enti morali ed enti locali può fare bene alle nostre comunità e al nostro Paese, promuovendo l’interesse generale.

bonezzi
Marco Bonezzi
DT - BPER Banca

BPER Banca ha accolto l’invito a partecipare all’importante progetto per la realizzazione del terzo polo universitario reggiano. Questo intervento darà un considerevole impulso allo sviluppo dell’attività dell’Ateneo di Modena e Reggio. Il nostro Istituto intende così  confermare l’impegno a contribuire allo sviluppo culturale ed economico di un territorio di grande importanza per l’attività della Banca.

tedeschi
ANDREA TEDESCHI
Partner Studio Legale Tedeschi

E’ stato un vero onore per il nostro Studio essere coinvolto in questa splendida iniziativa, esempio di attiva collaborazione tra Istituzioni pubbliche, religiose e privati, che costituisce per la città un forte punto di orgoglio e di passaggio per raggiungere traguardi ambiziosi che le possano garantire un futuro di primissimo rilievo nel panorama scientifico e culturale nazionale e non solo.

Avanzamenti

Cantiere 20%
Raccolta fondi (obiettivo: 12.200.000 euro) 57%

Dettaglio raccolta fondi

  • Ente Seminario
  • Comitato
  • Da trovare